Michele Remonti
Bruno Bressan
Emilio Ricci
Salvatore Gianni Pino
Andrea Roverselli
Luca Fassio
Luca Casale
Erika Poltronieri
Luciano Cossi
Fabrice Ygre

LA PREMIAZIONE DEI VINCITORI 12° EDIZIONE

La premiazione dei vincitori della dodicesima edizione del concorso si terrà sabato, 24 febbraio, alle ore 11.00 presso il Belvedere (39mo piano) di Palazzo Lombardia, Piazza Città di Lombardia, Milano.

Ingresso: Blocco N1. E’ necessario documento di identità!

Bormio, 24 gennaio 2018

 

Foto Premiate - 12° Edizione

 

1° Calssificato 3° Calssificato 2° Calssificato
 1° Classificato  2° Classificato 3° Classificato

 

Tutte le foto

 

ECCO I VINCITORI DELLA 12° EDIZIONE

La giuria del concorso internazionale “Fotografare il Parco”, organizzato dai Parchi Nazionali dello Stelvio, Gran Paradiso, Abruzzo, Lazio e Molise e Vanoise in collaborazione con Swarovski Optik Italia, ha decretato, tra le circa 3.000 immagini presentate da ben 373 autori, le fotografie vincitrici della dodicesima edizione.

I lavori della giuria, resi impegnativi anche in questa edizione dal livello qualitativo delle opere presentate, hanno espresso il seguente risultato.

Gianluca Damiani di Roma si è aggiudicato il primo premio assoluto grazie alla fotografia “Apparizioni fugaci”. La fugacità dell’incontro con un lupo è resa in maniera estremamente evocativa grazie alla nebbia mattutina e alla particolare composizione dell’immagine.
“Gazè Moonlight” di Thomas Delahaye di Pralognan la Vanoise è la particolare foto di una farfalla diurna ripresa di notte, stagliata contro un firmamento di luci artificiali, vincitrice del secondo premio assoluto.
Il terzo premio è stato assegnato al “Tulipano di montagna” di Lorenzo Shoubridge  di Lido di Camaiore, in cui il soggetto diventa protagonista unico dell’immagine grazie all’accurato impiego del controllo del piano di messa a fuoco.

Nella categoria “Paesaggi del Parco” è stata premiata, quale migliore immagine, la fotografia “Contrasti di luce ” di Elisabetta Faccin di Valdagno. In un contrastato bianco e nero, il “piccolo” rifugio Larcher si affaccia su ripide pareti e morene glaciali.